TIPI DI ESCHE: IL BIGATTINO

L’esca alternativa che vi propongo è il bigattino, larva di mosca carnaria, non molto usata nel nostro alto adriatico rispetto al resto d’Italia.

Questa esca (tra l’altro anche economica il che non guasta..) può essere usata per tutte le tecniche e dico tutte comprese quelle in laguna per es.a fondo dalla barca.

Ricordiamo che la pesca effettuata nelle nostre zone laguna e fuori dalle bocche di porto è particolare rispetto alle altre.

La più comune è quella con la barca alla fonda (ancorata) e il pescatore che lancia l’esca lontano con un piombo che porta sul fondo il tutto, poi un leggero recupero per tenere in tiro la lenza madre e per dare una forma lineare senza eventuali nodi anche al finale con l’amo.

Questa pesca in sostanza è un incrocio con il surfcasting (surf=onda, casting=lancio) la definirei boatcasting! (ma di questa tecnica ne perleremo in un'altra pagina)

Torniamo al bigattino, nelle stagioni più calde con l’acqua più calda rispetto ai mesi autunnali/invernali questa larva dà il meglio di sé per vitalità e quindi capacità attrattiva, mentre tenderebbe a fare il contrario nel periodo in cui la temperatura è più fredda..

Io personalmente ho “testato” una giornata intera (a maggio) questa esca e devo dire che è veramente buona per mormore e orate, non ho visto segnali dalle spigole.

L’innesco va provato anche con un po’ di fantasia da parte vostra, io per esempio innesco due larve a coprire l’amo e la punta con una terza dalla parte della testa.

Altro innesco a grappolo con 5/6 larve innestate per la testa e inescate sull’amo una di seguito all’altra.

Entrambe hanno dato ottimi risultati, io pescavo con 4 canne e l’attrattiva che dava era veramente buona.

Non ci sono problemi per quanto riguarda la reperibilità del bigattino, fate una prova in quanto alla quantità da acquistare, vero è che con mezzo chilo anche se pescate una giornata intera con 4 canne credetemi, non riuscirete a consumarli tutti!!!

Attenzione a mantenerli in un luogo fresco quando siete in barca.

Fabrizio  

      

Comments